Candida e infezioni vaginali. Come combattere prurito, perdite e bruciore

Previeni le irritazioni intime con un rimedio tutto naturale

Siamo così, dolcemente complicate. E piene di problemi, nel bene e nel male. Questa cosa un po’ ci piace, ci fa sentire donne.
Quello che proprio non ci piace, invece, è avere a che fare con le parti più delicate del nostro corpo: non solo ci toccano i dolori mestruali con annessi e connessi, ma spesso ci troviamo ad affrontare irritazioni poco piacevoli, accompagnate da prurito intimo, perdite e bruciore.

Per riconoscere le cause dei differenti disturbi ginecologici che si manifestano a livello vaginale, è necessaria un’attenta valutazione dei sintomi e la misurazione del livello del pH. Le infezioni vaginali più diffuse fra le donne sono la vaginosi batterica e la vulvovaginite da lieviti, più comunemente chiamata candida.

Le vaginosi batteriche si manifestano a seguito di una alterazione della microflora vaginale, costituita, in condizioni fisiologiche, per il 95% da lattobacilli (batteri aerobi), mentre per il restante 5% da batteri anaerobi, innocui se mantenuti a bassa concentrazione. Nel caso in cui, però, l’equilibrio vaginale dovesse essere turbato, i microrganismi patogeni potrebbero prendere il sopravvento e proliferare. La candida è un fungo che, abitualmente, si trova in alcuni distretti corporei, in particolare la vagina. Tale fungo, se si moltiplica in eccesso, può provocare una vera infezione, che si manifesta mediante irritazioni, bruciore e un fastidioso prurito vulvare. Le pareti della cavità vaginale potrebbero arrossarsi e si potrebbero manifestare perdite bianche di odore e consistenza sgradevole, accompagnate da un bruciore durante la minzione.

L’infiammazione della vulva o della vagina (vaginite), può coinvolgere la donna in tutte le fasi della vita. La mucosa delle pareti genitali nelle bambine in fase pre-pubere è molto sensibile e lo stimolo a grattarsi, provocato dal prurito, potrebbe alimentare la manifestazione di un’infiammazione, il bruciore e lo stesso prurito. La frequenza delle vaginiti infantili, è causata da fattori come la carenza di ormoni estrogeni, che rende la mucosa vaginale più sottile, dall’assenza di peli pubici e da un pH non sufficientemente acido.

Il primo rimedio, per evitare la manifestazione di infiammazioni è quello di prevenirle, mediante un lavaggio delle cavità vaginali.
Per questo hai bisogno di Aelav.

Aelav è un dispositivo monouso per il lavaggio o l’irrigazione vaginale con soluzione fisiologica sterile. Favorisce e facilita la rimozione di secrezioni vaginali patologiche dal fornice vaginale, aiuta a curare le vulvo-vaginiti infantili e a trattare le uretriti. E’, inoltre, il sistema indicato per il lavaggio della cavità vaginale in condizioni di immobilizzazione a letto e per il lavaggio dell’organo genitale femminile prima di interventi chirurgici.

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Carrello
Torna su